Skip to main content
Tempo di lettura: 3 minuti

Negli ultimi decenni, la sicurezza delle api è stata un argomento di discussione frequente nelle comunità scientifiche e non. Le api svolgono un ruolo importante nel mondo e qualsiasi preoccupazione su di loro deve essere presa sul serio. Essendo uno dei principali impollinatori della natura, le api sono una parte fondamentale dell’agricoltura e della produzione alimentare. In tutto il mondo, quasi un terzo delle colture coltivate dipende da impollinatori come le api affinché le piante producano qualsiasi cosa. Solo negli Stati Uniti , ci sono oltre 100 colture dipendenti dagli impollinatori piantate ogni anno con un valore economico di circa 20 miliardi di dollari. Ciò non include prodotti non a base vegetale come miele e cera che usano anche gli esseri umani. Proprio in termini di cibo, gli esseri umani sarebbero in guai seri senza il coinvolgimento delle api e di altri impollinatori.

Ma cosa si può fare per salvare le api?

Anche le api non sono importanti solo per la produzione alimentare, poiché sono anche necessarie nel ciclo di vita all’interno dell’ecosistema. Poiché le piante sono stazionarie, hanno bisogno dell’assistenza di altre forze per riprodursi, ovvero per essere impollinate. Impollinatori come le api raccolgono e depositano materiale genetico (es. polline) dalle piante mentre si spostano da una pianta all’altra, semplicemente entrando in contatto con essa. Ciò non solo consente la riproduzione delle piante, ma aiuta anche a promuovere la biodiversità come spesso lo fanno per migliaia di piante in un’area che si estende per miglia. Ad esempio, il polline che un’ape deposita su un fiore potrebbe provenire da un altro che si trova a miglia di distanza. Questa diversità consente alle piante di essere più forti e più sane, rendendole in grado di prosperare e resistere a malattie dannose. Ciò avvantaggia non solo la vita vegetale commestibile, ma anche le piante non commestibili che possono servire ad altri scopi per l’uomo e in natura.

Perché la necessità di giustificare la loro importanza e la preoccupazione per la loro sicurezza? Per prima cosa, le popolazioni di api sono in costante calo in tutto il mondo sia in natura che nella produzione commerciale o privata. Alcune teorie attribuiscono la colpa al maggiore utilizzo di pesticidi che uccidono le api oltre ai parassiti indesiderati nelle pratiche agricole. Altri notano la distruzione intenzionale e non intenzionale di habitat naturali e alveari da parte degli esseri umani che li trovano in luoghi come le loro case, cortili e fattorie e nelle aree urbane. Ci sono anche parassiti, come l’acaro varroa, che devastano e distruggono gli alveari a meno che non vengano somministrate cure e trattamenti approfonditi. Nosema la malattia è una preoccupazione più recente e ha recentemente iniziato a diffondersi nelle popolazioni di api europee. Nosema è causato da due ceppi di parassiti fungini e può avere un impatto su intere colonie riducendo la durata della vita collettiva della loro popolazione ed eliminando la fase di allevamento della covata per molte api mature. Molte di queste minacce vengono frenate o affrontate dagli apicoltori, sia professionisti che hobbisti, ma non è una pratica che molte persone stanno adottando.

Quindi cosa si può fare per aiutare le api e limitare alcuni dei danni se non sei un apicoltore o comunque esperto in tali questioni? La maggior parte degli esperti consiglia di evitare l’uso di pesticidi in casa, lasciando soli alveari e colonie e fornendo piatti poco profondi o piatti d’acqua da bere per le api. Puoi anche contattare un apicoltore professionista per rimuovere alveari e colonie che rappresentano un pericolo per te e la tua famiglia/casa, o che sono essi stessi in pericolo. Si consiglia inoltre di piantare piante amiche delle api con colori vivaci in casa e in giardino, ed è anche il modo più comune per aiutare le api.

Un’altra opzione popolare e un’alternativa preferita a un giardino tradizionale per coloro che potrebbero avere limitazioni di spazio o disabilità, sono i giardini contenitori. Si tratta in genere di una pianta per contenitore, sebbene sia possibile piantarne multipli in base al tipo e alla diffusione della pianta e alle dimensioni del contenitore. I giardini in vaso tendono a occupare meno spazio, sono più facili da gestire e possono essere realizzati anche con un budget limitato rispetto a un giardino tradizionale, ma hanno comunque lo stesso effetto. Quando pianifichi il tuo giardino in vaso, prendi in considerazione fattori come dove sarà (spazio disponibile, accessibilità, ecc.), cosa vuoi piantare e quanto, nonché i requisiti di cura per ciò che pianti. Guarda le piante che hanno un solo fiore (maggiore produzione di nettare), sono originari della tua zona e dureranno per l’intera stagione di crescita per consentire una costante fonte di cibo. Assicurati di tenere i tuoi contenitori in un luogo dove possono prosperare e dove le api non saranno disturbate. Ecco sa fare per salvare le api.